"Togo", il cane che fermò l'epidemia

Rated: , 0 Comments
Total hits: 82
Posted on: 03/24/20

Un mare di pellicole, serie, documentari. Da stamane, salvo contrattempi tecnici, è on line il tanto atteso Disney Plus. Un canale on demand salvezza per le famiglie chiuse in casa con bambini e ragazzi. Per chi non lo sapesse ancora, ricordiamo che la piattaforma raccoglie tutti i film storici della Disney, nuovi lungometraggi, serie e offerte delle altre case di produzione che fanno parte della galassia Mickey Mouse: Pixar, Marvel, Star Wars, National Geographic. Il costo dell'abbonamento è 69,99 euro all'anno.

Abbiamo navigato sulla piattaforma e ci siamo soffermati sull'offerta per i più piccoli, così importante in questo momento. Tra i film originali, creati apposta per il lancio, ve ne raccontiamo uno che si adatta perfettamente all'emergenza. Magari può essere anche uno strumento per parlare con i vostri bambini di questo dannato Coronavirus. Parla di un contagio e dell'impresa incredibile (come stanno facendo i nostri medici e infermieri) per salvare più vite possibile e più in fretta possibile. Il titolo è Togo e il protagonista non è un dottore bensì un cane. Ma non è Balto, come la leggenda e i film della stessa Disney ci hanno tramandato: questa pellicola ristabilisce la verità sui veri eroi di questa impresa. È una storia reale: siamo in Alaska, nel 1925, un focolaio di difterite si è sviluppato nella città di Nome, isolata dalla tempesta e dal ghiaccio. Il medico ordina la quarantena (proprio come sta accadendo a noi) per fermare il contagio. Ma serve qualcuno che percorra mille chilometri in condizioni proibitive per recuperare un siero salvifico. Solo il grande "musher" (guidatore di slitta) Leonhard Seppala, interpretato da Willem Dafoe, con il suo cane Togo, forte e intelligente leader della muta, riescono nell'impresa attraversando mari ghiacciati in scioglimento, affrontando la bufera e scalando montagne. Loro, e soprattutto Togo, fanno il percorso più duro. Però la corsa per far arrivare il siero a Nome è una staffetta: l'ultimo tratto lo percorre la muta guidata da Balto, che, anche grazie ai giornali dell'epoca che lo indicano come il vero eroe, passa alla leggenda. A lui è dedicata una statua a Central Park (c'è stata addirittura una petizione per cambiarla). Ora è ristabilita la verità. In ogni caso, il film è avvincente, avventuroso, pieno di suspence e più che mai attuale






>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment

Login


Username:
Password:

forgotten password?