Ripristinare la libertà di circolazione e salvare la stagione estiva in Europa

Rated: , 0 Comments
Total hits: 13
Posted on: 05/13/20

Ripristinare la libertà di circolazione in Europa e aprire i confini interni è cruciale per salvare la stagione estiva 2020. Decine di milioni di posti di lavoro e fonti di reddito per le famiglie sono in gioco a causa della minaccia del Coronavirus di danneggiare irrimediabilmente il settore del turismo. Mentre l'attività economica in tutta Europa sta lentamente ripartendo, le misure più draconiane, la chiusura delle frontiere nazionali, sono ancora in vigore. Queste misure sono state ritenute necessarie all'inizio dell'epidemia in Europa per tirare i freni di emergenza e fermare il contagio transfrontaliero. Esse sono ora sproporzionate alla luce delle misure interne nazionali in vigore. I paesi sono riusciti a tenere sotto controllo l'epidemia; nuovi casi possono essere riconosciuti e isolati molto più rapidamente che all'inizio della crisi. Questo è il motivo per cui lo spazio Schengen dovrebbe essere ripristinato con urgenza. Invece, stiamo attualmente assistendo a colloqui su accordi bilaterali tra paesi dell'UE per organizzare viaggi tra loro questa estate. Sarebbe un grosso errore. Creerebbe cittadini di prima e seconda classe, coloro a cui è permesso viaggiare e coloro a cui non lo è. Ciò costituirebbe un'inaccettabile violazione del diritto fondamentale alla libertà di circolazione nell'UE. Se un paese apre al turismo per i propri cittadini, lo stesso dovrebbe essere aperto per tutti i paesi dell'UE. Le economie europee stanno per affrontare uno dei maggiori shock economici a memoria d'uomo.

Dobbiamo fare tutto il possibile per salvaguardare i posti di lavoro e i redditi delle persone ovunque possiamo. Ciò è particolarmente urgente per il settore dei viaggi e del turismo, che rappresenta circa il 10% del PIL europeo e dà lavoro a quasi 23 milioni di persone, molte delle quali sono in aziende a conduzione familiare e piccole imprese in paesi o regioni che dipendono fortemente dai visitatori stranieri. L'Unione europea deve fare tutto il possibile per proteggerli presentando con urgenza una strategia globale di uscita continentale per il settore turistico e salvare ciò che resta della stagione delle vacanze. Il Coronavirus presenta a tutti noi le stesse sfide, quindi l'Europa dovrebbe rispondere con una sola voce. Tra l'altro, tale strategia dovrebbe includere protocolli comuni per gli spostamenti aerei, marittimi e ferroviari e norme europee per i viaggi in auto. Avremo bisogno di uno standard igienico e sanitario comune per alberghi, ristoranti e musei e il loro personale per assicurarci che l'infrastruttura turistica locale sia a prova di COVID. Inoltre, se si desidera viaggiare all'estero, si dovrebbe avere un'assicurazione sanitaria.

La questione chiave che ci si pone ora è quanto bene possiamo disciplinare e regolare i nostri movimenti per consentire la massima libertà, al minor rischio possibile di diffusione del virus. Allo stesso tempo, è chiaro che viaggiare all'interno e verso l'Europa quest'estate sarà molto al di sotto di quello che molti alberghi e ristoranti avevano sperato. Anche se riusciremo con successo e responsabilità ad avviare nuovamente l'industria del turismo in Europa, molte imprese dovranno affrontare difficoltà e persino bancarotta. Chiediamo pertanto che alle piccole e medie imprese del settore turistico sia consentito accedere al sostegno alla liquidità dal bilancio dell'UE. I paesi che dipendono più di altri dal turismo dovrebbero ottenere più sostegno. È così che funziona la solidarietà in Europa. Le azioni dell'Unione europea nei prossimi giorni e settimane saranno decisive per il sostentamento di milioni di persone. Riteniamo che la Commissione europea debba agire con urgenza e decisione per ripristinare le nostre libertà fondamentali e mostrare la nostra solidarietà ai milioni di persone che lavorano e dipendono dal turismo per il loro reddito e il loro benessere.

Manfred Weber
Presidente del Gruppo del Partito Popolare Europeo al Parlamento europeo






>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment

Login


Username:
Password:

forgotten password?