Conoravirus, su Facebook inneggiano alla rivolta: "Assaltiamo i supermercati"

Rated: , 0 Comments
Total hits: 20
Posted on: 03/27/20

Si organizzano sulle chat WattsApp e su Facebook, inneggiando alla rivolta e all'assalto dei supermercati. Sono centinaia di cittadini che si dicono di essere ridotti alla fame dall'emergenza coronavirus e, si organizzano per compiere assalti a supermercati e negozi di alimentari.

Il primo episodio già ieri, in un supermercato Lidl di Palermo, dove alcune persone hanno riempito i carrelli e poi hanno tentato di uscire senza pagare la spesa appena fatta. Mentre fuori i clienti in fila aspettavano il proprio turno per entrare, all'interno dell'esercizio commerciale si è scatenato il parapiglia. Una ventina di persone, infatti, avrebbero cercato tra gli scaffali la merce desiderata, l'avrebbero messa dentro il carrello, ma una volta arrivati alle casse avrebbero cercato di uscire senza pagare. "Non abbiamo soldi", avrebbero risposto al personale del supermercato. A quel punto è scoppiato il caos ed è stato necessario l'intervento di poliziotti e carabinieri per riportare la calma dentro il negozio.

La situazione però si sta complicando, nelle ultime ore sono infatti nati diversi gruppi privati su Facebook e WattsApp, dove gli iscritti si organizzano per assaltare supermercati e negozi di generi alimentari. Tra questi "Rivoluzione nazionale", un gruppo di cui farebbero parte già centinaia di palermitani. "Basta stare a casa, dobbiamo mangiare", dicono. E poi ci sono i vari messaggi audio scambiati tra i membri dei gruppi.

"Ama a scinniri ne piazzi, tutti". "Io sono pronto a fare la guerra". "Maschere e mezza verso i palazzi dei propri comuni. Buttate tutti fuori ma non toccate o rubate nulla". "Con 40 euro mazze e maschere si trovano, ne abbiamo le pa... piene". Questi sono alcuni dei messaggi dei partecipanti del gruppo che promettono di mettere a ferro e fuoco la città per garantire "il pane per le proprie famiglie".

[[video 1846834]]

Intanto già da questa mattina le forze dell'ordine hanno iniziato a presidiare gli ingressi dei centri commerciali, per scongiurare azioni di guerriglia. "Ragazzi, vi dico una cosa: mettetevi cose imbottite addosso perché le bastonate sono enormi perché con il manganello sti figli di... non babbiano. É buono che ti dicono 'pietà', butta il sangue e muori pezzo di m...". É il contenuto di un altro messaggio audio che gira su alcuni gruppi privati di Facebook.

A Paternò intanto, i carabinieri hanno denunciato un 35enne per istigazione a delinquere. L'uomo è ritenuto essere l'autore di un post, divulgato all'interno di un gruppo WhatsApp, nel quale fomentava gli utenti alla disobbedienza delle disposizioni emanate per contenere il contagio e istigava i cittadini a realizzare reati contro il patrimonio, al saccheggio di supermercati e negozi di alimentari. In ottemperanza a specifiche direttive del Prefetto, sono stati quindi intensificati i servizi di controllo del territorio e degli obiettivi ritenuti sensibili. In particolare supermercati ed esercizi commerciali destinati alla vendita di generi alimentari.






>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment

Login


Username:
Password:

forgotten password?